IV KAL. SEPT. (27) NP

VOLTURNALIA

Questo giorno è festivo in onore del Dio Volturnus [Var. L. L. VI, 21; Fest. 379]. Abbiamo pochissimi riferimenti a questa divinità: sappiamo che fu venerata fin da epoca arcaica, poiché possedeva un flamen volturnalis [Var. L. L. VII, 45].

La tradizione ne fa il padre della ninfa Juturna che sposò Janus dopo il suo arrivo nel sito di Roma e regnò poi con lui sul Janiculum [Arnob. Adv. Nat. III, 29]. Questo riferimento e la definizione della sua festività come “sacrificio al fiume Volturno” in un calendario epigrafico [CIL I, 327], hanno fatto pensare ad alcuni studiosi che Volturnus fosse l’antico nome del Tevere (sembra che in epoca arcaica il Tevere, personificato dal Dio Tiberinus [Serv. Aen. VIII, 330], non avesse né un culto particolare, né un flamen; questa identificazione avrebbe colmato tale vuoto), tuttavia questa teoria oggi non è più ritenuta valida.

Altri autori fanno di Volturnus un vento [Liv. XXII, 43, 10 – 11] del sud-est, in greco Euro o Euronoto [Gel. II, 22; Col. II, 2, 65; V, 5, 15], oppure Auster [Lucr. De Rer. Nat. V, 745], particolarmente caldo e violento. Secondo Dumézil, sulla base principalmente di Columella [Col. V, 5, 15] questa festività onorava il vento Volturnus per placarne gli effetti affinché non seccasse i grappoli d’uva prossimi alla vendemmia e gli altri frutti di inizio dell’autunno, compromettendone la raccolta.

Latte riteneva Volturnus il re dei venti, una sorta di Eolo romano.

L’etimologia del nome Volturnus è incerta. Per Latte viene dall’etrusco, in base al nome proprio Velthurna [CIE 426]; per gli antichi si ricollegava al monte Vultur nei pressi di Venosa [Hor. Car. III, 4, 9]

 

Volturnalia

This day is a public holiday in honor of the God Volturnus [Var. L. L. VI, 21; Fest. 379]. We have very few references to this divinity: we know that he was venerated as early as the Archaic period, as had a flamen volturnalis [Var. L. L. VII, 45]. Tradition makes the father of Juturna nymph who married Janus after arriving at the site of Rome and reigned then with him on the Janiculum [Arnob. Adv. Nat. III, 29]. This reference and the definition of its festivities as a “sacrifice to the Volturno river” in a calendar epigraphic [CIL I, 327], they did think of some scholars who Volturnus was the ancient name of the Tiber (it seems that in ancient times the Tiber, personified by the God Tiberinus [Serv. Aen. VIII, 330], had neither a particular cult, nor a flamen; this identification would fill this gap), but this theory is no longer valid.

Other authors think Volturnus a wind [Liv. XXII, 43, 10-11] the southeast, the greek Euro or Euronoto [Gel. II, 22; Col. II, 2, 65; V, 5, 15], or Auster [Lucr. De Rer. Nat. V, 745], particularly hot and violent. According to Dumézil, on the basis primarily of Columella [Col. V, 5, 15] this festival honored the wind Volturnus to appease the effects lest annoyed the grapes next to the vintage and the other fruits of early autumn, compromising the collection.

Latte believed that Volturnus were the king of the winds, a kind of Roman Aeolus.

The etymology of the name is uncertain Volturnus. For Latte it is from the Etruscan, according to its Velthurna name [CIE 426]; for the ancients was connected to Mount Vultur near Venosa [Hor. Car. III, 4, 9]

Picture

Eurus from the wind tower in Athen’s roman agorà