II NON.  QUINCT.  (6) N – III EID. QUINCT. (13) C

Ludi Apollinares

I Ludi in onore di Apollo furono introdotti a Roma nel 212 aev. nel pieno della guerra contro Annibale, in quell’anno furono scoperte delle profezie scritte dal vate romano Marcio: una prevedeva la sconfitta di Canne, l’altra affermava che, se i Romani avessero voluto scacciare i nemici che erano giunti da lontano, avrebbero dovuto istituire dei giochi in onore di Apollo, da celebrare ogni anno

… Romani, se volete cacciar via i nemici, tumore giunto da lontano, penso che voi dobbiate far voto ad Apollo di istituire dei giochi, da celebrare gioiosamente ogni anno in onore di Apollo; ad essi, in parte contribuisca il popolo con denaro dell’erario, in parte contribuiscano i privati per loro e per le loro famiglie. La celebrazione di quei giochi sarà presieduta dal pretore che eserciterà al più alto grado, la giustizia per la cittadinanza e per la plebe. I decemviri celebrino i riti sacrificando vittime secondo il rito greco. Se così, correttamente, agirete, ne trarrete gioia per sempre e la vostra sorte andrà sempre migliorando. Infatti quel Dio che gioisce nel fecondare i vostri campi, distruggerà i vostri nemici… [Liv. XXV, 12] Continua a leggere II NON.  QUINCT.  (6) N – III EID. QUINCT. (13) C

III EID. QUINCT. (13) C

Apollini

Secondo I Fasti Anziati Maggiori, il 13° giorno di Quinctilis, in concomitanza con la chiusura dei Giochi Apollinari, si ricordava la dedica del primo tempio ad Apollo in Roma [ILLRP 9]. Nel 433 aev. A causa di una pestilenza fu votato un tempio al Dio Apollo [Liv. IV, 25, 3], che fu dedicato nel 431 dal console Cn. Julius [Liv. IV, 29, 7]. Trattandosi di un culto straniero fu eretto fuori dal pomerium [Liv. XXXIV, 43, 2; XXXVII, 58, 3], nel Campo Martio su un più antico luogo di culto chiamato Apollinar, un altare o un bosco sacro. Rimase l’unico tempio di questa divinità fino a quando Augusto non ne costruì un altro sul Palatino [Ascon. In Cic. Orat. 90 – 91]. Vi si tenevano le riunioni del Senato fuori dai confini della città [Liv. Cit.; XXXIX, 4, 1; XLI, 17, 4; Cic. Ad Q. Fr. II, 3, 3; Ad Fam. VIII, 4, 4; 5, 6; Ad Att. XV, 3, 1; cf. Lucan III, 103]. Continua a leggere III EID. QUINCT. (13) C