… sua cuique civitati religio… est, nostra nobis…

… sua cuique civitati religio… est, nostra nobis…

Cic. Pro Flac. XXVIII, 69

La religione romana è la religione praticata dai cittadini romani all’interno della città di Roma, come scrive chiaramente J. Scheid

… La religione romana non esiste che a Roma, o nei luoghi in cui soggiornavano dei romani. Essa è radicata in uno spazio, Roma, uno spazio preciso poichè comprende prima di tutto la parte della città delimitata dal confine giuridico (pomerium) dov’è domiciliata la maggior parte dei culti, dove fumano i grandi altari… Al di fuori della cinta muraria, lo stesso ambiente è ricreato in santuari suburbani, in boschi sacri e, al di là dell’ager romanus… nei campi legionari o nelle colonie… Quindi uno spazio ben definito, ma anche uno spazio sociale, per praticare è necessario essere cittadini romani. Non ci si converte alla religione romana, non si fa atto di fede, si nasce “fedeli”, o lo si diventa ricevendo la cittadinanza…

J. Scheid – Religion et piété à Rome, Parigi 2001, pgg 29 – 30

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...